Loading...

In Primo Piano

Gli ecobonus sulla casa, le detrazioni per i figli a carico, le locazioni

Legge di bilancio, le novità per il 2018

BONUS RISTRUTTURAZIONE

Viene prorogata la detrazione “maggiorata” del 50% alle spese sostenute fino al 31/12/2018 (in luogo del 31/12/2017).
Inoltre, il bonus spetterà, a determinate condizioni ma solo in riferimento al sisma-bonus, anche agli Istituti autonomi per le case popolari, agli enti aventi le medesime finalità sociali e alle cooperative di abitazione a proprietà indivisa.

BONUS MOBILI

Viene prorogata la detrazione per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe A+ (A per i forni) alle relative spese sostenute entro il 31/12/2018 (in luogo del 31/12/2017), a condizione che l’intervento principale cui si “aggancia” il bonus mobili sia iniziato dal 1/01/2017 (in luogo del 1/01/2016).

BONUS VERDE o GREEN-BONUS

Viene introdotta per il 2018 la detrazione del 36% da ripartire in 10 quote annue di pari importo, entro un tetto massimo di spesa detraibile di 5.000 euro, per le opere di sistemazione a verde, di realizzazione di coperture a verde, giardini pensili, impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi su edifici esistenti. Sono incluse le relative spese di progettazione e di manutenzione.
Il nuovo bonus compete sia in riferimento a opere su singole unità immobiliari che relative a parti comuni condominiali. E’ necessario che il pagamento delle spese avvenga con sistemi tracciabili.

ECOBONUS

Proroga della detrazione “maggiorata” del 65% alle spese sostenute fino al 31/12/2018 (in luogo del 31/12/2017) sulle singole unità immobiliari e conferma della scadenza del 31/12/2021 per quelle eseguite sulle parti comuni di edifici;
- eccezione per le spese relative a:
A. acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi
B. schermature solari
C. sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal Reg. UE n. 811/2013 che godranno, a decorrere dal 1°/01/2018, di una detrazione “depotenziata” del 50%.

Ecobonus: nuova detrazione 2018

A. impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal Reg. UE n. 811/2013 e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti;
B. impianti dotati di apparecchi ibridi costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione;
C. generatori d’aria calda a condensazione

Nuova detrazione “ultra-maggiorata” all’80 - 85%

per interventi su parti comuni condominiali finalizzati congiuntamente a ridurre il rischio sismico e alla riqualificazione energetica degli edifici (solo per zone sismiche 1-2-3).

TRASPORTO PUBBLICO

E’ ammessa, dal 2018, la detraibilità delle spese sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.
La detrazione spetta nella misura del 19% per un importo delle spese non superiore a 250 euro annui, anche per le spese sostenute per i familiari fiscalmente a carico.

DETRAZIONE FIGLI A CARICO

Il limite di reddito complessivo per essere considerati fiscalmente a carico è elevato da 2.840,51 euro a 4.000 euro limitatamente ai figli di età non superiore a 24 anni, a decorrere dal 1/1/2019.
Resta invariato il limite di 2.840,51 euro per le altre tipologie di familiari a carico.

BONUS STRUMENTI MUSICALI

Viene prorogata di un anno la disposizione contenuta nella Legge di Bilancio 2017 relativa al bonus spettante agli studenti per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il loro corso di studi.
Invariata, pertanto, la misura del bonus (65% del prezzo finale, nel limite massimo di 2.500 euro) che spetta nella forma di:
- contributo una tantum in forma di sconto sul prezzo di acquisto a favore degli studenti-acquirenti;
- credito d’imposta di pari ammontare a favore dei rivenditori.

DETRAZIONE DIAGNOSI ACCERTATA DI DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO

E’ prevista una nuova detrazione Irpef 19% a favore di studenti (anche maggiorenni), con diagnosi accertata di disturbo specifico di apprendimento (DSA).
La detrazione spetta, fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado, in riferimento all’acquisto di strumenti compensativi e sussidi tecnico/informatici necessari all’apprendimento oppure che favoriscano la comunicazione verbale e assicurino l’apprendimento delle lingue straniere. E’ richiesto il “certificato medico” attestante il collegamento funzionale tra i sussidi/strumenti e il tipo di disturbo diagnosticato.
La detrazione spetta anche per le spese sostenute per i familiari fiscalmente a carico.
Un decreto non dirigenziale dell’Agenzia delle Entrate dovrà definire le modalità applicative.

PROROGA CEDOLARE SECCA

Viene prorogata di 2 anni, fino al 2019, la riduzione al 10% della cedolare secca prevista per i contratti di locazione a canone concordato.

INCREMENTATO IL BONUS RENZI

Vengono incrementate le soglie reddituali utili per la determinazione del “Bonus Renzi”.
Sono introdotti i valori di 24.600 euro e 26.600 euro, in luogo di 24.000 euro e 26.000 euro. Resta fermo l’ammontare del bonus (euro 960 annuo).

CANONI LOCAZIONE STUDENTI FUORI SEDE

Sono introdotte ulteriori modifiche alla disciplina della detrazione dei canoni di locazione di alloggi universitari per studenti “fuori sede”.
In primo luogo è ripristinata la formulazione dell’art. 15 comma 1 lettera i-sexies del TUIR antecedente le modifiche apportate con l’art. 20 comma 8-bis del DL 148/2017, che estendeva l’agevolazione anche al caso in cui l’università fosse ubicata in un comune distante almeno 50 km da quello di residenza e gli studenti fuori sede fossero residenti in zone montane disagiate, sopprimendo la previsione che il comune di ubicazione dell’università fosse situato in una provincia diversa da quella di residenza dello studente. Il comma 23 limita questa agevolazione agli anni 2017 e 2018.
Conseguentemente:
- la detrazione per canoni di locazione di alloggi universitari per studenti fuori sede spetta quindi, di norma, agli studenti iscritti ad un corso di laurea presso una università situata in un comune distante almeno 100 km e comunque in una provincia diversa.