Loading...

Novità Previdenziali

L’anticipo finanziario a garanzia pensionistica

Ape Volontario, istruzioni per l'uso

A decorrere dal 1° maggio 2017, in via sperimentale fino al 31 dicembre 2019, è istituito l'anticipo finanziario a garanzia pensionistica (APE). L'APE è un prestito corrisposto a quote mensili per dodici mensilità fino alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia. La restituzione del prestito avviene a partire dalla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia, con rate di ammortamento mensili per una durata di venti anni.

Sono interessati i lavoratori dipendenti e autonomi iscritti all‘A.G.O., alle forme sostitutive (Fondo Volo, Fondo Dazio, ex ENPALS, INPGI) ed esclusive (ex INPDAP, IPOST, Ferrovie dello Stato) della medesima e alla Gestione Separata.

REQUISITI

• Età anagrafica minima, al momento della richiesta di APE, di 63 anni;
• Maturazione del diritto a pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi;
• Possesso del requisito contributivo minimo di 20 anni;
• Pensione, al netto della rata di ammortamento corrispondente all’APE richiesta, pari o superiore, «al momento dell’accesso alla prestazione», a 1,4 volte il trattamento minimo INPS (702,65 euro);
• Nessuna titolarità di altro trattamento pensionistico diretto.

MODALITA’ DI EROGAZIONE DELL’APE

Il prestito è corrisposto a quote mensili per dodici mensilità fino alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia.

MODALITA’ DI RESTITUZIONE DEL PRESTITO

La restituzione del prestito avviene a partire dalla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia, con rate di ammortamento mensili comprensive delle somme relative al prestito bancario e alla polizza assicurativa per il rischio di premorienza. Le rate di ammortamento hanno durata pari a 20 anni. È possibile l’estinzione anticipata del prestito, secondo le modalità stabilite dalla norma.

TRATTAMENTO FISCALE

Le somme di APE erogate in quote mensili non concorrono a formare il reddito ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche. A fronte degli interessi sul finanziamento e dei premi assicurativi corrisposti è riconosciuto un credito d'imposta.

Per informazioni: cnaperte@bo.cna.it